Tag: Sanremo 2016

Colori che svaniscono. Intervista a Elio&leStorieTese

Colori che svaniscono. Intervista a Elio&leStorieTese

Gli alfieri di due generazioni hanno saltato lo squalo? Qualcuno se lo chiede. Io glielo chiedo.

TheClassifica 82. Alessandra Amoroso vs Emma Marrone. Lo scontro che aspettavate

TheClassifica 82. Alessandra Amoroso vs Emma Marrone. Lo scontro che aspettavate

1. Sanremo vs Grammys, Kendrick Lamar vs Ezio Bosso, Salmo vs Fedez.
2. Emma vs Sandrina.
3. Zara vs H&M.
4. The dark side of the moon vs The wall.

Moriremo Sanremesi

Moriremo Sanremesi

“Quanti articoli su Sanremo deve scrivere un giornalista musicale, prima di essere chiamato opinionista? E quante battute e arguzie e analisi sociolinguistiche deve fare, prima che qualcuno gli dica: Ciccio, può bastare? E quante rievocazioni commosse di un vissuto italiano con immagini in biancoenero e ricordi di quella volta che Cavallo Pazzo e Patsy Kensit e Benigni e Springsteen e la Gialappa dovrà fare prima di essere riconosciuto come italiano vero? E quante letture contemporanee e duepuntozero sull’Evento condiviso dovrà offrire, prima che qualcuno gli dica: non mi interessa? La risposta, amici, è che Sanremo e Sanremo. La risposta, nel VANTO, è che Sanremo è Sanremo”.

(dal pezzo su Sanremo di due anni fa) (o tre?) (o uno?) (o dieci?) (o l’anno prossimo?)

I giovani. I CAMPIONI. Il premio della critica. Il premio della sala stampa.
Gabriel Garko.
(“Io icona gay? Se mi desidera un uomo va bene, ma sono un sex symbol e faccio sognare”)
“Tutto su Madalina Ghenea, la nuova valletta del Festival di Sanremo 2016: gli ex fidanzati famosi e il video con Cristiano Ronaldo”.

Gli occhi puntati su Elton John.
Gli occhi puntati sui SUPER OSPITI.
Laura Pausini. Eros Ramazzotti. Renatone Nostro. Elisa. I Pooh, che festeggiano i 50 anni di carriera con la reunion storica con Riccardo Fogli.
Nel senso di: le eccellenze italiane.
Nicole Kidman.
Nel senso di: ogni anno l’Impero, lontano e meraviglioso, ci manda ambasciatori.

Una roba in cui i big sono Dear Jack (senza Alessio Bernabei), Alessio Bernabei (senza Dear Jack), Dolcenera, Annalisa, Irene Fornaciari, Zero Assoluto, Valerio Scanu.
E la comicità. L’impagabile comicità. Enrico Brignano, Nino Frassica. Ma anche Virginia Raffaele.
(“ma anche”)
E Cristina D’Avena. Il momento trashtag.

Le radio. Le televisioni. Gli inviati puntigliosi, professionali. Gli inviati disturbatori, IRRIVERENTI.

MILLETRECENTOTRENTACINQUE giornalisti accreditati.

1335.

E tra loro i colleghi polemici. I colleghi che si eccitano. I colleghi che “è lavoro”. I colleghi che “è parte della nostra cultura”. I colleghi che l’importante è li si veda, li si veda, li si veda. I colleghi che “Ma perché tu sei snob”. I colleghi che minimizzano, che dicono divertìmose, stacce, e dddaaàààaaajjjje, i colleghi che “e anche sticazzi, no?”
(ora, io ho storicamente problemi di reattività collerica, lo ammetto, ma voglio dirvi che internet ha questo di orribile: che qualcuno che ha superato la seconda media possa argomentare con “e anche sticazzi, no?” , e io non possa replicare facendogli zampillare la faccia come una fontana) (“…sticazzami questo, idiota”)

E io non ce la faccio nemmeno più, a cercare di parlarne dicendo che non dovremmo parlarne
(…bell’imbecille anch’io, converrete)

Però penso una cosa.
Da piccolo, ero convinto che il muro di Berlino ci sarebbe sempre stato.
E mi ero anche convinto che avesse un suo senso, una sua legittimità.
(“Stacce”)
E poi, a suo modo, ispirava dei capolavori. Era così simbolico. Rendeva manifesta, con la sua sovietica brutalità, tante cose che le élite cercavano di dissimulare con maggiore finezza.
Ma alla fine, toh: il muro è venuto giù.

E per questo, anche di fronte al ritorno furibondo del circo sanguinario di Sanremo, io un po’ ci faccio conto: sono convinto che Sanremo ci sarà sempre, per l’eternità. E a volte penso che abbia un suo senso, una sua legittimità.
Ma alla fine, toh.